home

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

Amando De Niro, un attore vero

Altro

Chiunque in vita sua ha urlato di dolore almeno una volta, ha imparato una canzone a memoria, ha strillato di rabbia, ha goduto “oscenamente” d’un piacere tutto suo, anche osservando il tramonto ed incantandosene, chi ha mai rubato l’innocenza del tramonto all’uomo? Chi è stato tale vile bruto, che si tolga la maschera e ci mostri il viso se detiene il coraggio che solo un folle potrebbe avere. Si svesta alla svelta, così che ne possiamo/potremo cogliere i difetti fisici ed “imbruttirlo” di più, accentuandoli con la nostra cattiveria, che ci parli di sé, così che ne scopriremo gli intimi segreti e potremmo avere una carta in più in fatto di punti deboli, da colpire lì nell’attimo esatto. Che non ci possa sfuggire tale vile, ripeto, che vuole imbrattare la tela della sua sporcizia e darci da bere del veleno. A quest’uomo che bluffa e lo fa così apertamente che noi gli crediamo, crediamo alle sue fandonie, tanto ch’egli c’inganna, tanto, anzi, da ingannarci, perché lui è solo l’artefice delle nostre illusioni. Mi sovviene un ultimo pensiero prima di cena, quello di “cenarmi” accendendo il mio accennarmi. Porre importanza su di me. Corri e trovi De Niro, di nuovo lui, come un Tempo, che Tempi. Si correva e si accorreva. Urlanti, in festa, spensierati.
12/06 | di | autore
| (0) | (15)





Mi sento gentile

Altro

Tanto che le squarterei la fica, geloso e possessivo quale sono, quella fica è mia, non ci sono dubbi, mi son allenato a dovere per averla, l'ho bramata, e sarà la mia amata.
Cazzo, non vedo l'ora d'infilarglielo-
15/06 | di | autore
| (0) | (8)





sensazione di discreta inutilita (I)

Racconti


Viviamo in un mondo dove tutto è inutile, dove tutti si ammazzano di fatica per un po di attenzione da parte di quei miti che da soli si sono costruiti. facciamo un'esempio, anni e anni dietro a centinaia di libri, rincorrendo un futuro lontano, che piu si avvicina e piu si allontana, fino a quando si arriva a quello che la gente chiama l'obiettivo, l'essere realizzati. e ci si rende cont di aver sbagliato tutto, pero non lo si puo amettere. ormai il danno è fatto, ci si prende l'attenzione e la stima di coloro che ingenui come lo siamo stati noi, vedono in noi un mito, un obiettivo da conseguire. ma porca troia dico io, diciamoglielo che la non c'è nulla.

Questo pensavo, continuamente e ogni mattina prima di alzarmi dal letto. Poi colazione con i soliti schifosi cereali dell'euro spin, caffe, e una giornata di merda davanti. No oggi non ci sarei potuto riuscire, ancora una cazzo di giornata a sentire parlare di proteine che migrano e miglioni di cazzate sulle teorie piu assurde e su progetti di ricerca inutili come le feci di cane in un prato verde, anzi peggio almeno quelle concimano.
Prima o poi faccio fottere tutto mi ripetevo, ma come potevo, sei anni per laurearmi poi tirocinio e ora che avevo un posto fisso me ne andavo. Certo 1000 euro al mese non sono tanti ma almeno potevo andare avanti. Si ma avanti dove, cioe dico io dove cazzo vogliamo arrivare, non è che c'è una meta e poi arrivi li e stai bene. No assolutamente.
Poi pero pensi, magari oggi va meglio. Cosi esco di casa, chiudo il cancello e vado verso la metro, fottutissima metro, sporca, lurida. Ma eccola li di fronte, strafiga come sempre, con la gonna ogni giorno piu corta, che muove il culo dicendoti "mordimi bastardo e fammi godere", con il suo solito viso da troia allora te la immagini mentre la prendi da dietro, e poi te lo prende in bocca e poi invece ti rendi conto che tanto la dara solo a chi vuole lei, e tu non sei di certo nella sua lista dei preferiti. tutte troie, tutte uguali.
Salgo in metro e sento una puzza oltre il normale, anzi oltro ogni limite, è quel coso che sta seduto vicino a me, oggi peggio del solito. mi alzo e mi sposto. uno vuole parlare e mi dice:"bella giornata oggi e... il meteo dice che fara sole tutta la settimana". e io allora in quella frazione di secondo che passa prima di rispondergli penso a cosa cazzo possa avere di bello una giornata che inizia in metro con quella puzza di merda. comunque gli rispondo "si ho sentito"ovviamente non era vero. e lui dice "certo che questa metro non è il massimo", "non è il massimo" dico io "fa prorpio cagare". a questo punto lo vedo che un po si imbarazza, forse non gli piacciono le parolacce, comunque non dice piu nulla. arriva la mia fermata e finalmente scendo. esco dalla metro e trovo veramente il sole. be il tipo aveva ragione.
16/06 | di | autore
| (0) | (9)





Scossoni rabbrividenti

Racconti

Mi ha abbattuto il mio nemico, tanto ha fatto da disarcionarmi, mi ha steso, lo ammetto, ne esco sconfitto, lui sa viverla e lo fa con cattiveria, mangiando tutto quello che può e rubando agli ingenui.
A chi si lascia fregare e si lascia sfilare il piatto dal tavolo, sotto i propri occhi.
Reagisci, combatti, per una volta, almeno. Macchè. Non fa parte del tuo DNA. Gli acidi…
Ti affibbiano etichette non tue, che non t’appartengono, e ti “cosmetizzi”, ti lucidi in quel Mondo.
Mio padre non s’appassiona a nulla, è la più tremenda senilità, vive per vivere, accondiscendente verso tutto e verso tutti, non c’è verso. Se la lascia scorrere.
Si affaccia alla finestra per rimediare un po’ d’aria fresca che gli rinfreschi quel che ha in testa.
Ho “brutti” pensieri che mi ronzano, faccio un’enorme fatica ad allontanarli, la gente, alcuni, si credono arrivati, ed espongono la propria mercanzia con sfacciataggine che ha dell’abominevole, dovreste vederli.
Se avete qualcos’altro da fare lasciatelo in sospeso, dedicatevi a me, per un istante.
16/06 | di | autore





Riflussi da una chiesa. Meditazioni sulla speranza di un dio.

Poesie

Battisteri illuminati da atavica fame.

Ondeggianti pensieri di morti lasciati alle loro stanze senza sonno né memoria.
In un circuito febbrile
Tra il rincorrersi e il raggiungersi
- A volte -
di sensi di colpa e paure.
Mentre i visi di ciò che erano – eravamo? –
Si aggrottano tra lame di ragnatele urticanti, ai lati degli occhi dove più profondo si segna il solco
di ciò che era,
fu,
vita.

Vedo statue illuminate dalla penombra delle candele
e le mie parole si fanno artificio,

dando l’illusione di un Infinito
cheto
nascosto da qualche parte,
oltre queste mura.


16/06 | di | autore
| (0) | (11)





BIG HIVE

Altro

Questa è' un grande alveare
un nido di grosse vespe assetate
Hanno il potere di manipolare,
alla gente, di ciò che vogliono fare
Questa è un grande alveare
un nido di grosse vespe assetate
Hanno il potere di alienare
il dolore di chi sta veramente male
Questa è un grande alveare
un nido di grosse vespe assetate
Hanno il potere di decretare
ciò che vero ciò che è irreale
Questa sì che è un gran alveare
un nido di grosse vespe assetate
hanno paura dei fuori onda
non però quelle del mare

16/06 | di | autore





ambiguità

Racconti

si era appena svegliata da una specie di strano torpore, sentiva il corpo leggero e stranamente energico, era da parecchio che non si sentiva così, tutto quel tempo in ospedale, ferma e immobile le avevano atrofizzato i muscoli.
Credeva che avrebbe fatto molta più fatica a camminare quando si sarebbe alzata, le era capitato spesso di sentire i medici che dicevano che riprendere un uso delle gambe normale sarebbe costato molta fatica e molto tempo, ma a giudicare da come camminava sembrava che avessero detto solo una marea di stronzate.
Quanto sono catastrofici a volte i medici, ti preparano al peggio e poi, invece, fila tutto liscio come l'olio.
Fare il dottore non doveva poi essere così difficile, bastava demoralizzare la gente, al contrario di quello che fanno quegli assurdi predicatori che in tv fomentano la gente su strane storie sulla vita eterna.
Certo camminare per il corridoio dell'ospedale era un pò triste, con tutte quelle luci bianche e le pareti celesti!
Ma certo non poteva sperare di meglio dopo quella lunga e strana malattia.
Anche la camiciona bianca che aveva indossato per parecchio tempo aveva acquisito una nuova consistenza, era bello sentirla svolazzare sulle gambe e sul ventre, per tanto tempo era stata appiccicata al suo corpo senza muoversi, intrisa di sudore.
17/06 | di | autore





E all’improvviso la notte

Poesie

E all’improvviso la notte ad accarezzarti le gambe,
18/06 | di | autore





getta un minuto

Poesie

Getta un minuto,un minuto per me…
per questo ragazzo
troppo bimbo per sentirsi uomo.

Getta un minuto,un minuto per me…
che di segreti,sogni e ambizioni
sei l’unica padrona.

Getta un minuto,un minuto per me…
anche se devi smontarmi
e dirmi “patetico e paranoico”

Getta un minuto,un minuto per me…
innamorato di ciò che
non mi hai fatto vedere.

Getta un minuto,un minuto per me…
che cerco di inventarmi i tuoi difetti.

Getta un minuto,un minuto per me…
che nella mia mente il tempo scorre al contrario.

Getta un minuto,un minuto per me…
che sei nota anche a chi non ti ha mai vista .

Getta un minuto,un minuto per me…
che immagino e fantastico sulla nostra vita insieme.

Getta una minuto,un minuto per me…
che parlo da solo.

Getta un minuto,un minuto per me…
per ascoltare ciò che ho sentito dire.

Getta un minuto,un minuto per me…
che non sono fiero quanto te.

Getta un minuto,un minuto per me…
rovistandomi con la tua empatia.

Getta un minuto per qualsiasi cosa,uomo,necessità.
Getta quel minuto anche per parlarmi dell’amore per lui
Ma getta un minuto,un minuto anche per me…
20/06 | di | autore
| (0) | (16)





sono...

Appunti di viaggio

Sono l'ombra di mè stesso , anche se nn riesco a dimenticare il mio amore doin° , mi dico che devo andare , passo attraverso la porta e scompaio nel nulla di una sera come tanto mi dirigo verso la macchina e piove , la pioggia mi bagna il volto ,le lacrime si mischiamo nell'aria e nella pioggia, solo e con una sola sigaretta mi siedo e penso che domani inizierà una giornata come tante.
22/06 | di | autore
| (0) | (10)





La maschera

Altro

Contempliamo noi stessi chiedendoci se abbiamo la bontà di presentraci per quello che siamo. Ci rendiamo conto, senza voler prendere alcun provvedimento, che tendiamo a indossare una maschera invisibile per far sembrare noi stessi diversi da come siamo per davvero, specialmente in presenza di altri esseri umani che fingono a loro volta. Ma nessuno capisce che per mostrarsi per quello che si è, si deve per davvero indossare una maschera. Allora ci renderemo conto di quanto siamo belli. Io ci sono riuscito, ora tocca a voi.
24/06 | di | autore
| (0) | (10)





L'eroe

Racconti

...e fu proprio in quel momento che la spada attraversò da un punto all'altro il petto del nemico duellante. Il nostro eroe si diresse, con estremi sforzi, nella prateria argentata. Lì la donzella che lui tanto aveva amato aprì le braccia. Il nostro eroe cadde in terra, riuscì solo a girarsi a pancia all'aria. Si levò la maschera d'acciao e appena vide il volto della sua amata donzella disse "Ti ho amata, ma ti ho persa. Tu sei l'unico rammarico, ma son felice lo stesso, perchè quest'oggi è scesa la notte sulle spalle dell'essere che poteva cambiare le sortì dell'umanità". Con un sorriso spense la candela della vita, riuscedo a percepire negli ultimi attimi della sua vita l'odore della felicità...
25/06 | di | autore
| (0) | (8)





Esami

Pensieri

..e un altro giorno se ne va,
e io sono qui, ancora affamato di dolci istanti
che riempiono la notte..

ma domani è un altro giorno,
e io dovrò farmene una ragione,
io che voglio fermare il tempo
e aspettare al tempo stesso quando tutto questo finirà..

ma gli esami non finiranno mai...
27/06 | di | autore
| (0) | (14)





con gli angoli della bocca rivolti in giù

Appunti di viaggio

si comincia a camminare per una strada il cui traguardo è segnato da nebbia e dubbi, si comincia forti e vigorosi, ma le sorprese arrivano presto...
attimi di orgasmi spasmici che si alternano a gioie pungenti e lacrime di ghiaccio, movimenti pieni di rumore senza pause, ritmati da strani cigolii del anima e del corpo...
ben presto è paura...
ben presto e vuoto...
dove si va?
che si fa?
si sbaglia e si prende una strada che il bivio non aveva ancora contemplato...
ci si angoscia, ci si soffoca vomitando parole, ascoltando voci mielose dire pugnali e spade, cantare al vento di rabbia e oppressione...
sia cade...
nel fango, un fango denso che in bocca soffoca e lascia quel sapore di amaro che niente riesce a strappare ai ricordi...
si urla, ma più ci si dimena e più le sabbie attanagliano quel corpo che si lacera nella melma...
fuori gli spari, fuori i fuochi...
dentro una casa a trovare riparo ci si stende per non pensare...
bisogna riposare...
si riparte carichi e forti, umiliati, ma convinti di potercela fare...
si riparte urlando e cantando cori...
e ci si ritrova persi un'altra volte per un sentiero già fatto, a quel punto si cambia nuovamente strada, si sceglie un sentiero più facile, che senso ha continuare ad arrancare?
30/06 | di | autore





InutileRito

Pensieri

In questa stanza, seduta, ripeto per la millesima volta lo stesso inutile rito. Accendo la tua musica. Mi siedo e t’ascolto. E subito, piango. Mi pizzichi le corde dell’anima, titilli il mio clitoride, indispettisci le mie guance, stropicci i miei occhi e le mie labbra…con la tua musica. Mi apro come un’orchidea. Dentro miele dolce.
23/06 | di | autore





precedente - successiva

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126

Content Management Powered by CuteNews

 

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!
Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello