home

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

Prima di improvvisare...

Poesie

Strade che costeggiano i cimiteri
a volte anche sotto l’acqua calda
che ti unge il capo e ti pervade il corpo
mi capita di non sentire calore.
Di percepire un freddo dentro
che non riesce a spegnersi, a morire.
Per quanto l’acqua che scorra sia calda,
per quanto tempo resti in quello stato
il vuoto dentro rimane e mi agonizza.
02/04 | di | autore





troubled inside

Poesie

Dove sono finiti?cosa gli hai fatto?
Ti bacio ancora sul ciglio della porta
e nuotiamo ancora insieme?
Continuo,con la testa sulle tue gambe,
e quel sapore è ancora in bocca?
Conoscevo bene ciò che dicevi,
ma continui a raccontarmelo
e non vuoi più dormire con me.
Non vieni più a dirmi "sono bella"
e che io con te amo il bello...
li hai strappati anche se erano tuoi.
01/04 | di | autore





Addio

Pensieri

- Ma che cazzo fai? Dai fermati, smettila di succhiarmi le palle, sto pensando!
Cammino sulla spiaggia deserta al tramonto, degli strani uccelli neri con lunghe code hanno preso il posto dei gabbiani, la luce è dolce non fà male agli occhi, ma tengo lo stesso i miei occhiali neri.
31/03 | di | autore





Wittgenstein 3.032

Racconti

Ieri ho affittato, per la prima volta nella mia vita, una stanza. Da ieri vivo in questa stanza in affitto a due passi dalla metropolitana, divido il bagno e la cucina con due ragazze. La mia stanza, ad eccezione del trittico scrivania-armadio-letto, è vuota. Non ho neppure una sedia, quella che ho trovato ha il piano sfondato e le ragazze sono state categoriche riguardo a quelle della cucina. Poco male, domani andrò a prendere la mia sedia personale: ne ho una in tela, tipo regista.
31/03 | di | autore





LETTERA

Altro

Caro Hank,
perché vorrebbero essere tutti come te, quando quelli come te per strada neppure li guardano? Tu, Hank, hai amato la vita senza condizioni o remore. Ed oggi ho bisogno di raccontarti una cosa. Prima, però, ti confesso di essermi fatto prendere dalla smania ed ho investito i pochi risparmi che avevo nell’acquistare le tue raccolte di poesie, o i tuoi romanzi, che ancora non avevo letto. Così sono entrato in libreria, in una di quelle librerie che hanno ogni genere di volume, ma che solitamente nascondono i tuoi libri o li tengono in scaffali altissimi o in profondi sottoscala.
31/03 | di | autore





chinaski alle quattro

Poesie

non li ho mai digeriti i cavalli cavalli vino birra donne lavori di merda brocchi patentati eppure la puntata ha il fascino un'alba dagli occhi gonfi dovendo scegliere fra l'angelo bianco e bafometto scegliete bene
28/03 | di | autore
| (0) | (2)





SONO UN MORTO UBRIACO CHE CANTA AMORE

Pensieri

Prima di uscire di casa, per andare al lavoro, mi guardai allo specchio. Ero identica a lui. Lo stesso sguardo stanco. Le stesse occhiaie. Lo stesso malessere. La stessa pettinatura. Capelli neri, non pettinati, medio lunghi, con dei ciuffi davanti agli occhi. Dentro un cumulo di tristezza massiccia. Dei ciottoli grossi come pugni. Un’incudine animistica. Mi venne su il pianto in gola, in bocca. Sentii il sapore del mio sangue, del vomito. Risentii le stesse emozioni di due giorni prima. Le stesse scene. Navigli. Darsena. Porta Genova. La verità che scivola dalla mia bocca. Che si schianta sul cemento, insozzandomi le scarpe. Insozzandogli il viso. I miei occhiali da sole, che coprivano le mie emozioni. Maschera contemporanea. Post moderna. Sono un morto ubriaco che canta amore.
21/04 | di | autore





Attimo

Appunti di viaggio

Carpe Diem, assapora l’attimo nella sua pienezza,con tutti i sensi,inebriati della sua dolcezza.
Per quanto tempo si vive con questa speranza,che si tramuta poi in un chiodo fisso,che poco alla volta diviene sempre più fastidioso,più doloroso,man mano che il tempo passa e nemmeno l’ombra di un attimo che valga la pena rincorrere.
21/04 | di | autore





CAVITA’ E SIMBOLISMI (sogno della notte tra il 17 ed il 18 aprile 2008)

Pensieri

Stato di semi allerta. Ingiustificato. Come se una mela mi si fosse conficcata nello sterno. Narici che non sfiatano. Io non ho fiato. Mi giro su me stessa. Una, due, tre volte. Attorno c’è il sole, ma nubi scure in fondo all’orizzonte. Voglio una mano che mi sorregga. L’ho dimenticato. Non so più come si fa a camminare. Lasciatemi stare, api. Una volpe. Coda lunga e folta. Sfreccia di fronte a me. Non posso calpestarla. La amo. È magra. Si tuffa nei cespugli. Si volta. Mi guarda e sorride. Un sorriso da scimmia. Mi sento un’imbecille. Sudo. Cerco la via per raggiungere il treno. Tutto è confuso. Tutto è stranamente al suo posto. In questo bosco, si respira aria buona.
Accanto a me, una ragazza. Bella, giovane, dai capelli corvini e le forme tornite. Amo anche lei, più della volpe. Mi si accoccola sulla spalla, mentre cerco disperatamente il treno. Inizio a correre e lei con me.
18/04 | di | autore





Emigrante

Poesie

Guardati: come ti ritrovi ora, fredda e glaciale,
hai sacrificato il tuo bagliore per le bombe
di cui non senti nemmeno parola.

Senza di te non avrò scelta,
da solo in mezzo alla folla
08/04 | di | autore





I fili che succhiano la vita

Racconti

La stanza era buia. Sempre buia. Smin non si muoveva mai da li. Stava costantemente attaccato al suo computer. Era un tossico del multimediale. Non parlava piu' con nessuno. Neanche con i suoi genitori. Si svegliava presto e trascorreva tutta la giornata davanti allo schermo. Rimaneva con la testa china fino a tarda notte. A volte non dormiva neanche. Smin era un ragazzo a posto prima di assuefarsi totalmente alla tecnologia. Aveva un sacco di amici, aveva anche una ragazza. Il pc era diventato il surrogato di ogni sua relazione interpersonale. Viveva per quello strumento.
19/03 | di | autore





Strano piacere

Poesie

Tornado di piscio, sborra, vomito
Il tuo sangue purulento mi giova
cado nella pozza della tua figa
lecco il tuo sudore
mi inchino davanti ogni tuo affronto
non voglio pensare alla mia vittoria
Sei la padrona che impartisce gli ordini,
dai la vita, e se vuoi la togli
le catene che hai messo
intorno al mio collo stringono
19/03 | di | autore





al parco con lei

Poesie

Non mi ricordo bene cosa sia successo.
Non ne ero nelle condizioni.
C'era lei, piu' giovane di me.
Era come se la stessi salvando.
Forse lei salvava me.
La panchina era piena di scritte,
di numeri, codici verso il piacere.
Una bottiglia di plastica con del gin.
Un sorso a testa, si parlava.
Passavano le ore, ma stavo bene.
19/03 | di | autore





P.....ino

Racconti

Un tempo, nell’epoca in cui il genere umano raggiunse il suo massimo splendore, nacque un uomo di nome Piero. Piero era alto poco più di un metro e non era affatto bello. Il suo viso piuttosto schiacciato ed il corpo ricoperto da una soffice peluria lo facevano infatti assomigliare di più ad un tenero e dolce primate che ad altro. Inoltre, il suo apparato riproduttivo non s’era del tutto sviluppato, ed egli si ritrovò a trent’anni con un’inutile pisellino di un bambino di sei. Ed egli era triste e piangeva quando le donne di cui era innamorato lo abbandonavano per la sua incapacità nel farle venire, e gli amici lo compiangevano con sguardi tristi e malinconici mentre i nemici lo denigravano con sorrisi maliziosi e con squallide battutine. Così egli divenne la barzelletta vivente del paese, l’uomo che portava il buon umore agli abitanti del piccolo comune di Birdland.
22/03 | di | autore





.astronomic obsession of your universe confinement.

Poesie

Un telescopio
conficcato nella tua pupilla
per guardare attraverso e vedere
dove non mi farai arrivare mai

nient’altro

[solo il bisogno di essere più vicina a ciò che è più lontano]
25/03 | di | autore
| (0) | (2)





precedente - successiva

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126

Content Management Powered by CuteNews

 

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!
Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello