home

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

Danzo dentro. Struscio sul pavimento.

Pensieri

Muovo la testa ai lati. Molli pensieri. Seguo le note. Complesse. Semplici. Lente. Psichedeliche. Distaccata dal resto. Sono musica e sesso. Chiudo gli occhi. Abbozzo sorrisi. Dondola la sedia, perché io la faccio dondolare. Mi tocco il viso. Pelle liscia. Polpastrelli a punta sulla pelle. Accarezzo me stessa. Amo le carezze. Sollevo la camicia. Mutande. Cosce. Pancia. Riflessioni. Flashback. Movimento. Lentezza. Sono fatta di carta velina. Brucio nel fuoco. Mi inzuppo nell’acqua, sparendo. Ho gli occhi grandi. Ho gli occhi larghi. Tu ti perdi. Io mi perdo. Negli occhi. Con le orecchie ascolto le tastiere. Ascolto le chitarre. Ascolto i bassi. Enjambement nelle canzoni. Seguo le strofe più interessanti per il mio stato d’animo. Sono romantica. Sono passione. Sono dolcezza. Al collo legata una mela. Rossa la buccia. Grattugio pensieri. Evaporo sensazioni. Sale l’anima. Leggero malessere.
04/05 | di | autore





lorenzo

Racconti

Impotenza .
Forse è questa la parola che sento più vicina.
Come in quei giochi in cui devi collegare un personaggio ad un sostantivo o ad un evento.
Con il mio nome non ci sarebbero dubbi: impotenza.
È strano vedere come il mondo invece si muova da tutt’altra parte.
Accendi la tv e sai quello che succede all’altro capo del mondo, fai un giretto su internet e sai come si divertono i ragazzi del Delaware.
Tutto è a portata di mano e tutto sembra così facile da conoscere, capire e cambiare.
09/04 | di | autore





Dove sei?

Poesie

Dove sei?
Dove sei finita?
09/04 | di | autore





che gente

Poesie

pretendono rispetto
per primi non ne hanno

vogliono insegnare
non hanno mai imparato

parlano di fratellanza
pensano a loro stessi

deridono e scherzano
solo di altri

si reputano intelligenti
non vedono chi è avanti

vincono sempre loro
non si mettono mai in gioco
08/04 | di | autore
| (0) | (17)





un'isola deserta

Racconti

Decisi di non andare più a trovarlo, sapevo che l'avrei rivisto a distanza di qualche anno e non avevo fretta di sapere con chi avrei passato ogni singolo giorno della mia vita. Del resto avevo già cambiato idea da tempo e non gli volevo affatto bene.
Essendo ancora troppo piccola mi fu impedito di fare quello che volevo e non potevo rimanere da sola in quella bettola guardare le figure che formavano le macchie sulle mattonelle o le crepe nei muri e il grasso dei fornelli che non venivano puliti, ché tanto non importava a nessuno.
08/04 | di | autore





.there never will have been flowers.

Poesie

Una conclusione avanza invisibile come una malattia

la bara passeggera mi culla attraverso le strade di nebbia delle tue disattenzioni
mentre sullo schermo lcd passano
un nostro vecchio porno dove scopavamo come svergognati cometa che sfrecciano troppo vicino al sole seguito da
un video amatoriale sulla cerimonia lentamente pianificata dove le tue urla si sposano con le mie lacrime x finire con
un documentale molto istruttivo su come imparare ad essere morti

08/04 | di | autore





Scopo di lucro.

Poesie

La vita mia non ha scopo di lucro.
E' un lento uccidersi ogni giorno,
fra l'ardere di una sigaretta,
e il pigmentar le labbra di un rosso vino acceso.
Una continua fuga monotona,
dalla monotonia.
08/04 | di | autore





Astinenza

Altro

Fra un sogno interrotto, e un conato di vomito, Bill si trova sveglio nel salotto di casa sua. C'è una bottiglia di wisky con il collo rotto vicino al mobile; un block-notes sporco di vino, una foto ritagliata, un libro di poesie aperto ed una tovaglia strappata.
Il brutto è che Bill ricorda minuziosamente come ha fatto la sera prima a ridurre il salotto in quello stato. Lento e intorpidito si avvia al bagno, in attesa di una pisciata, e di una crudele proiezione sul suo specchio.
Ribrezzo, pena e sconforto, per quel ragazzo dallo sguardo triste;
"il cesso è la prima meta della giornata! metafora perfetta della vita mia!"pensa fra se Bill mentre cerca la prima sigaretta di quest'altra giornata.
08/04 | di | autore





Nella confusione di righe spastiche

Pensieri

Sentivi sempre il tuo personale fastidio di piacere dell'universo del cantante del quartiere della nebulosa inferiore. Parli con chi vuoi, fai tacere tutti. La figa, pelosa, rasata, bagnata... Le pareti del suo culo erano cosi' incrostate che faceva ribrezzo avvicinarsi. Senti il richiamo, senti la sveglia!
La chiesa riempie la piazza del paesino di montagna, dove ci si scandalizza se il prete e' nero... Ma allora queste persone sono razziste. Razzisti di merda, odio i razzisti. Forse sei razzista anche te? Non so. Non voglio. Non comprendo.
07/04 | di | autore





vuota d'anima

Racconti

camminavo per le vie scure della città annaffiata dalla pioggia e cercavo rimedio ai miei strani pensieri che non riuscivo a confessare alla mia stessa anima, troppi pensieri quando la birra nel corpo diventa tanta...
con lo stomaco gonfio rimuginavo su quello che avevo visto e sentito nel piccolo bar all'angolo, persone che si picchiavano per contendersi un gettone per i videogiochi, mi sembrava davvero ridicolo!
dio mio quanto è vuota la gente!
Pensavo e ripensavo a come fare a non sentire la mia stessa anima che ripeteva in continuo le frasi di uno strano film che avevo visto la sera precedente, ma non riuscivo a focalizzare le espressioni degli attori, anche la sera prima ero completamente sbronza.
i rami degli alberi grondavano lacrime, mentre le mie si confondevano con la pioggia che mi bagnava il viso.
05/04 | di | autore





faceva caldo ieri sera

Altro

faceva caldo ieri sera
sono rientrato verso mezzanotte
mi sono letto qualche poesia di buk
e ho pensato di fumarmi una sigaretta

appoggiato alla finestra
mentre mi assaporavo la serata calda
ho notato una luce accesa nel palazzo ad est
e un attimo dopo un corpo nudo che si muoveva li' dentro
05/04 | di | autore





Il barbone rampante

Racconti

Ogni posto è uno spaccato di umanità,ogni luogo è una rappresentazione piuttosto affidabile di decadenza e catastrofe,impregnata inesorabilmente di comicità e lutto.
L’università è sempre affollata di gente,vedo molti sorrisi,molti volti compiaciuti,altri spaesati,alcuni stressati;c’è la fatica e l’estenuante costanza di chi cerca ogni giorno di scroccarti qualche moneta o di venderti un accendino,di chi vuole convincerti a leggere il suo giornale e a partecipare alle sue assemblee,di chi invece molto rilassato si gode lunghe giornate improduttive e a quanto pare felici.
24/04 | di | autore





Stasera non faccio tardi.

Racconti

Esco di casa con 20 euro e mi dico che sono giustamente pochi, non potrei mai ubriacarmi con 20 euro e sono anche giustamente incazzata perché è venerdì sera. Raggiungo gli altri al bar, il solito. Bevo i miei 2 negroni d'iniziazione, ho già finito metà pacchetto di sigarette e parlo con tutti, è già un po' tardi - mi allontano per guardare la piazza dall'alto, non c'è un centimetro di spazio libero, sembra un brulicare di formiche, tutti bevono, ridono, litigano, cadono. Torno giù, faccio altre 2 bevute e ho finito i miei soldi. Rimango da sola per non so quale motivo, comincio a correre per raggiungere un altro bar poi mi chiedo "che cazzo, dove volevo andare?", mi metto a correre e torno indietro, poi mi ricordo che non c'era nessuno, mi offrono da bere, mi informo dove sono gli altri. Ricomincio a correre, mi faccio 3 km di corsa inciampando varie volte, e volendo saltare muretti rischiando di fare voli di 10 metri solo per accorciare la strada. Per fortuna le persone di sotto che urlando hanno evitato una mia sicura morte.
04/04 | di | autore





IL PROGRAMMA E' STATO INTERROTTO

Poesie

E io ero vestita da carnevale
e lui col naso da clown
rosso.
Era divertente
mi faceva anche ridere
come una pazza.
04/04 | di | autore





IL MIRACOLO DI BILL PELLE CORTA

Racconti

IL MIRACOLO DI BILL PELLE CORTA
(bukowskiana sull'amore)

(Musica: www.youtube.com/watch?v=gCwT-XnS5M4)

Quand'ero piccolo pensavo che l'amore
fosse solo un'invenzione per le favole
come la fata, che appare all'improvviso
quando sembra tutto perduto e per magia risolve tutto
affinchè le cose finiscano bene.
04/04 | di | autore





precedente - successiva

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126

Content Management Powered by CuteNews

 

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!
Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello