home

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

A propria immagine

Poesie

Umile come una formica
maestoso come un gabbiano,
hai riformato le tue ossa decise
per camminare diritto
saltando un altro passo ancora.

14/06 | di | autore





[ LYRICS ]

Poesie

l'alba,
con la sua timidezza, d'uccelletti
scampata ai gatti o peggio ancora,
m'impolpettona:
10/06 | di | autore





SEMPLICE

Pensieri

Torno a casa. Ho già un po’ d’appetito. Ingurgito qualcosa velocemente, un pomodorino, una fetta di polenta avanzata del giorno prima. Mi ritiro di sotto. Accendo lo stereo e metto una tape a caso. Mi siedo a terra, allungo le gambe e mi rollo una sigaretta di tabacco. Pensiero fisso verso quel volto. Confuso dai ricordi, e sì che non ci conosciamo da un giorno, ma da tre anni, ormai. Mi pare di conoscerlo da sempre e, nello stesso istante, di non averlo mai conosciuto realmente. Percepisco il relativismo della mia realtà. Mi pare tutto così fittizio. “Sospensione” descrive il mio umore ultimamente. A metà di tutto, di me stessa, della vita, delle relazioni umane. Mi gratto dietro al collo. Quella piaga non mi dà tregua. Accendo la sigaretta. Volto la mia testa a destra e fisso un punto qualsiasi di un mio disegno appeso allo porta in legno. Da quant’è che non disegno? “Sitting on a unicorn” è la sola frase che mi crea ispirazione. Prima o poi, ci creerò qualcosa sopra. Grazie Pink Floyd, grazie T. Sono sudata. Ho caldo e freddo assieme.
10/06 | di | autore





Da una conchiglia

Poesie

La sua voce mi ritocca l’anima
Mi viene la voglia di sorridere ma,
la sua storia è triste e incredibile.
La sua storia esiste ma non finisce, e chi lo sa se finirà
L’unica cosa certa e sicura, è che lei non morirà

La sua voce mi ritocca l’anima
Il suo fruscio nel mare mi evoca felicità
Ma non tanto è la sua storia, ascoltala … lo puoi fare … se lo vuoi
Non la conoscono in molti,
è misteriosa già stesso lei
05/06 | di | autore





Solo, naufrago, alla deriva

Altro

Compro un computer portatile per portarmi via, seguo la scia della morte, onnivora, nessuno potrà salvarmi, neppure lo scricchiolio delle tue cosce, morbide, vellutate, al tatto tattili.
05/06 | di | autore
| (0) | (11)





Tutto per un pelo

Poesie

La vita l'ho rubata a me stesso, l'ho rubata con cocciutaggine, ed al pelo l'ho ripresa in mano e sul cazzo, che mi (s)tira, rovente, mi arrovello.
05/06 | di | autore
| (0) | (16)





I carabinieri mi fanno un baffo

Aforismi

Me ne sbafo dei loro baffi e della loro divisa, "categorizzati" ed i loro giuramenti, la fanfara, le grandi parate, la loro "giustizia", sono poliedrico, liquido, un nemico pubblico guardato a vista, che sviste ragazzi, non mi piglian mai, mai dire mai è vero, ma il mio mai è il mio amai.
Che ne sa l'ordine, la morale, la compostezza, dell'amore vero?
Quello non matrimoniale da "quadretto", ma qualcosa di tremendamente selvaggio, che mi sputa godimento.
05/06 | di | autore





Un Tempo ero ingenuo

Racconti

Mi cibavo di pane & Cinema, adesso sono affetto da una gelosia unica. Non so cosa combina la mia ragazza in giro.
E' questa la massima storica altro che quella di Bob De Niro in "Taxi Driver" sulla pioggia che ripulirà, una volta per tutte, le strade.
05/06 | di | autore
| (0) | (12)





Giocare al femminile - Brigitte Bardot

Altro

Indossare una giacchetta di jeans, appena slacciata e strappata, slabbrarsi di buovo nella vita, sbarbarsi in cerca di sbarbine, una mano di donna "puledrizza" il tuo coso, che ringhia, fumosamente nitrisce, bestemmia la creazione della Donna, perché Brigitte Bardot è lei. Ai giovani poco importa imparare, quando hanno dalla loro lo stadio Dall'Ara. Perchè arare quando si può pomiciare? Mi assumono in fabbrica, rincaso tardissimo e sebbene sia negligente sul lavoro, alienante e deprimente, mi ripiglio alla grande e subito dopo essermi masturbato in bagno, con le bollicine che cantava Mina, "Le mille bolle blu".
06/06 | di | autore
| (0) | (13)





Un telo dipinto

Poesie

La vita è grigia, il mio plaid "puzza" di meraviglioso arcobaleno.
Focoso mi spalmo della nitroglicerina, e poi faccio boom sopra il tuo seno, "artificialmente" cerebrale, umanamente umanissimo.
Dio che seno, così allattante, allettante, invitante.
Bevo latte e succhio la morte.
Così, con le labbra impigliate nei tuoi capezzoli.
La mia lingua fornica la tua vagina, in fretta, poi cadenza il ritmo, "musicaleggiando" con brevi ma "dolorosi", piacevolmente, colpetti.
06/06 | di | autore
| (0) | (12)





Paradisi regalati

Appunti di viaggio

Metto in fila le bottiglie sul mobile. L'orologio digitale mi acceca, mi trafigge la vista. Non riesco a capire dove mi trovo, non mi importa. Rifletto su cio' che mi circonda. Bene, ora so dove mi trovo. Sul tavolo non si contano i fiammiferi, quanto spreco. Ne avevo passate tantissime, sbornie suicide, dipendenze varie, vagabondaggi, coltelli puntati alla pancia, metadone, merda, treni casa, notti polverose, necrologie.
Mi sono sempre vantato di essere forte e ora per una donna crollavo e cadevo nel pozzo. E no, miei cari.
I vestiti sono sudici , straboccano di sporco, puzzano davvero tanto. Il sudore è una patina che circonda prima la mente, che il corpo. LA TESTA. La testa è uno scaldabagno.
06/06 | di | autore





Non compro le sigarette, oggi

Altro

Oggi sto a digiuno, mangio solo un po' di pasta al pomodoro e poi libero il ventre con sereni (fras)tuoni, rumori schizzanti che deambulano felici e zigzaganti nell'aria.
Mi attacco al palo della Luce sotto casa mia e mi arrostisco, brucio come la sigaretta che desiderai, con tutto me stesso, penso, poi, al sesso, lo sublimo con del tiramisù appena comprato al market, qui vicino.
07/06 | di | autore
| (0) | (12)





Il passeggero

Pensieri

Il passeggero è Nicolas Cage, uomo, forse, pessimo, poco digeribile, attore insulso, pedestre, fors'anche geniale per via della sua incompetenza, eppure s'è affermato di film in film, tanto da diventare una faccia riconoscibilissima dal grande pubblico, insomma, una star di prima grandezza con tanto di cachet esorbitanti a sua disposizione per ogni ruolo presente/futuro che accetta. Il mistero Nicolas Cage inizia nell'oramai lontano '94, quando viene chiamato, a sopresa, ad incarnare l'autodistruttivo, sceneggiatore fallito ed alcolista Ben in "Via da Las Vegas".
07/06 | di | autore





L'impressionante Benicio Del Toro

Altro

Attore di razza purissima.
1 I soliti sospetti
Fenster, zitto, muto, voyeur.
2 The Fan - Il mito
Juan Primo, scorbutico, giovanissimo, con l'ebbrezza della giovinezza, "vincente".
3 Fratelli
Una maschera gelidissima, praticamente metallo innevato.Gaspare Spoglia.
4 Traffic
Javier Rodriguez. Recitazione alla Marlon Brando, tutto di palpebre, ammiccamenti ed implosione.Da Oscar, giustamente vinto.
5 The Hunted - La preda
Ritorno a casa ammaccato, da uomo ad animale predatore, un killer salamandra.
6 21 grammi
Un martire della salvezza, si crogiola nell'utopia di poter tornare a vivere, dura pochissimo, il dolore lo domina. Lo annienta, non si cicatrizza l'anima, neppure con dell'alcool.
7 Che
E' Ernesto Che Guevara, il mito, laddove ci provò Walter Salles, dove tentò Malick, c'è riuscito Soderbergh. A realizzarlo perlomeno, il film è però piatto, anemico.
07/06 | di | autore
| (0) | (12)





Come un ariete tra la folla

Pensieri

Il principe
Il principe è un uomo che non ha niente a che vedere col Tempo che vive, troppo estraneo alle lotte giornaliere per il cibo, per il tanto agognato pane. Non ha obblighi né impegni da rispettare, è libero, nessuno lo comanda ed a nessuno deve rendere conto del suo "operato", se non al massimo conservare la sua "aura" per non mischiarsi alla gente comune. Il principe è un uomo (s)fortunato, perché dentro la prigione della sua (s)fortuna. E' propenso ad ammalarsi d'ipocondria, per riempire il vuoto che la solitudine di una vita "flashata" porta con sé.
08/06 | di | autore





precedente - successiva

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126

Content Management Powered by CuteNews

 

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!
Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello