home

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

Frank manofredda part.2

Racconti

Frank girò la chiave nel chiavistello,finalmente casa,fredda e disordinata,ma pur sempre casa, gettò subito i vestiti zuppi in un angolo del bagno e riempi' la vasca di acqua calda,cercò una sigaretta ancora asciutta nel pacchetto tutto rotto,spense la luce,e si immerse.La luce dei lampioni filtrava dalla finestrella senza tende del bagno di Frank,che guardava assorto la neve cadere giù fitta e spessa mentre la stanza diventava rossa ad ogni boccata di sigaretta. Pensò che era giunto il momento di riprendersi la macchina che giaceva senza benzina da settimane in un parcheggio poco lontano,poi,il telefono squillo.
30/03 | di | autore





un giorno dei tanti!

Racconti

Me ne sto nella mia camera davanti al computer e fumo una sigaretta, sento il fumo entrare nei miei polmoni, è corposo e soddisfa la mia tensione.
Ho messo su un album musicale precisamente uno dei Suicidal Tendencies e come succede mentre si dorme comincio a sognare, ma ad occhi aperti.
Più che un sogno è il ricordo delle mie innumerevoli giornate passate a bere con i miei amici: “bravi ragazzi”, skin head, metallari, punk, e tossici(io rientro in questa ultima fattispecie)che per trascorrere una giornata in compagnia veniva messa da parte la questione politica, per lo meno fino a che non si era raggiunto un livello alcolico molto alto.
Eravamo in tanti e l’effetto gruppo ci dava la forza di spingerci a bere litri e litri, sia di birra che di vino e qualche sorso delle immancabili bottiglie di sambuca e di borghetti. Per il comune rispetto ogni forma di droga era bandita.
C’era chi sedeva su di una panchina, chi sul proprio motorino, chi per terra, chi nelle macchine a porte e bagagliaio aperto in modo di diffondere musica fra di noi.
Anche sulla musica si cercava di non litigare e di scendere a compromessi: un ora di Metal, un ora di musica OI, un ora di qualche cantautore italiano e un ora di punk.
Il primo pomeriggio passava in un lampo e tutte le nostre teste ormai ubriache sia di alcool che di musica ci permettevano di sentirci dei veri e propri padroni della città.
Il motto di queste giornate era“OGGI LA LEGGE LA FACCIAMO NOI”ed in effetti eravamo un branco difficilmente contrastabile perché anche se composto da persone di diverse ideologie c’era un filo che ci legava: la voglia di evadere dalla quotidianità e la ricerca della distruzione e della autodistruzione.
Alle 18.00, era l’ora di socializzazione, cioè l’andare per le vie della città per comprare qualche pezzo di pizza e bere qualche “super”nelle tre bettole dove“soggiornavano”vecchi ubriaconi che rivedevano in noi la loro giovinezza e noi viceversa ci rivedevamo da vecchi, sempre se non si moriva prima per qualche imprevisto da mettere in conto conducendo una vita come la nostra.
Alle 19.00 cominciavamo a camminare per il lungo corso della città per stare in mezzo ad altra persone, per noi insignificanti, e a disturbare qualche ragazza di quelle affascinate dal ragazzo sballato, per noi solo carne da scopare come un fazzoletto usa e getta.
I ragazzi cosiddetti “normali”ci guardavano per il nostro aspetto e per il frastuono del nostro vociferare a voce alta perché ormai ubriachi e spogliati di qualsiasi pudore.
La gente ci guardava, immagino che si sentiva colpita nel proprio io e inveiva qualche frase di disappunto sperando forse che i propri figli non diventassero come Noi.
Arrivate le 20.00 il gruppo si sfaldava e si frazionava in gruppi più piccoli: quelli citati a inizio racconto ed ognuno faceva ciò che voleva della serata e capitava spesso di ritrovarci in feste o in discoteche o in qualche bistrò in tarda notte e di bere l’ultimo bicchiere in comune come cenno di fratellanza e per allungare la notte spesso per arrivare al tramonto.
Questo non è un sabato ma un qualsiasi giorno dell’anno “ PERCHE’ NOI DELLA VITA ABBIAMO FATTO UNA VACANZA!!!!!!!!”

Adesso basta di scrivere, lo trovo noioso e difficile mezzo per comunicare una propria realtà, forse è che io non ne sono capace! Sunny!!
30/03 | di | autore
| (0) | (22)





Un uomo e se stesso

Racconti

Il bar stava per chiudere.
Io ed i miei amici non potevamo far altro che ascoltarlo!..
Parlava di Parigi e di belle donne.
Ne aveva visto tante,nonostante la sua giovane età.
29/03 | di | autore





il pensiero

Poesie

nato da un mucchio di stronzate, abortito cento volte...ridotto e purefatto
mozzato dal collo ai piedi...squartato dal mondo
meticolosamente sparpagliato, un abile killer estroso e lussureggiante
ali spezzate...ripiegate su se stesse da quel mucchio di cenere in cui nacque l'uomo
non è solo una mente...
03/04 | di | autore





è lui

Pensieri

Quando la musica ti prende il cuore
lo fratsaglia
trema
e trema
e gioisci
e gioisce
02/04 | di | autore





midnight path

Appunti di viaggio

Io sono Bukowski. e sono anche la donna che lo ha salvato. c'è da esserne felici. il mondo si divide in uomini che vengono salvati e in donne che li salvano. sono sola perchè non esiste un uomo abbastanza donna da salvare il bukowski che è in me.
28/03 | di | autore





... E POI SI PARTE

Racconti

… E POI SI PARTE


La prima immagine che riesce a raggiungere nitida il mio cervello sono i suoi lunghi capelli castani che le cadono sul viso e m’impediscono di guardarle gli occhi anche se so che sono ancora chiusi.
Lella dorme con la bocca appena dischiusa dalla quale si intravedono le due file di denti bianchissimi, il suo respiro ritma i miei primi movimenti, i miei primi sforzi per sollevarmi sui gomiti e baciarla. Un bacio che ha lo stesso effetto di una boccata d’ossigeno per un sub appena riemerso.
27/03 | di | autore





Ultimo scritto per Giusy

Altro

Un giorno forse verrai a sapere di questo sito ed i suoi racconti
Ed aprirai un mio universo
Forse per quel giorno sarò già sparito
e metterai a dormire le domande che vorrai farmi.
27/03 | di | autore





Per Giusy

Poesie

Ho avuto una visione
di come può finire male
tutta questa situazione.

Ho visto la mente allo stremo,
gli occhi rossi e secchi
L'estate che fuori esplodeva
qui dentro taceva
con colori morti.
27/03 | di | autore





Momenti

Racconti

Un'altra sigaretta si consumava tra le tue labbra rotte e arrogate dagli anni, mentre la quinta bottiglia scandiva le ore di un pomeriggio qualunque, in un inverno insolitamente caldo per il periodo.
Ma la tua mente era lontana dalla tua solita panchina del parco dove abitualmente cercavi un po' di sole; mentre vedevi i bambini giocare e ascoltavi le madri parlare dei loro stupidi discorsi.
27/03 | di | autore





Frank manofredda

Racconti

La vecchia sveglia trillò riecheggiando nell'appartamento vuoto,Frank si svegliò e pensò:''il più era fatto''.
Il freddo della stanza gli ricordò che era dicembre e lui ancora non aveva acceso i termosifoni,cosi,si infilò il pesante maglione,prese coraggio e si alzò,con la testa pesante e la bocca amara si diresse al bagno ripetendosi che non era certo vita quella, accese l'acqua calda e preparò il rasoio.
26/03 | di | autore





Fermata d’autobus

Poesie

Una fermata d’autobus come tante
in una grande città.
L’urlo acuto di una sirena
rompe la frenetica monotonia
di un pomeriggio metropolitano.
25/03 | di | autore





La signora in giallo è una stronza!!

Racconti

“Il cuore ti batte lento ciccio..” mi dice Luigi
“Cosa??”
“Si, senti?? TUM……TUM-TUM…….TUM, è lento si sente benissimo che va piano, dovrebbe essere un rumore tipo: TUM, TUM-TUM, TUM, TUM-TUM, più veloce, più ritmico.. non sei al passo!!”
“..ma che cazzo..??”
25/03 | di | autore





Riflessioni dovute ad una bottiglia di buon vino

Pensieri

La noia di libri riletti e scordati
Poster di miti ed eroi ormai svaniti
E si fanno avanti i problemi di oggi
E la nostalgia di vecchi ricordi.
Mr Tambourine non suona più neanche una canzone
E non potrò seguirlo nel mattino
25/03 | di | autore





Giusy C.

Poesie

Giusy....e non dormo
Giusy si è persa in un lago
di troppe promesse e di sogni.
Giusy ed i miei mille bisogni....
che spesso mi hanno portato a decidere scelte azzardate,
quando la notte è finita e gli incubi spenti dal sole.........
24/03 | di | autore





precedente - successiva

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126

Content Management Powered by CuteNews

 

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!
Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello